Giovanni Ruffino | Lingue e culture in Sicilia (2 voll.)

 

 

 

AUTORE |   AA.VV.
TITOLO |   Lingue e culture in Sicilia (2 voll.)
Curatore |   Giovanni Ruffino
collana |   Lingue e culture in Sicilia, 1-2
anno |
pagine |
ISBN |
2013
1794
978-88-96312-68-1
prezzo |
* disponibilità |
  € 70
disponibile
Due volumi inseparabili, edizione in cofanetto € 76,00

– vol. I, pagine XXXII + 764
– vol. II, pagine 991
     

 

PRESENTAZIONE

A distanza di vent’anni, resta attuale quanto osservavo nella Premessa al volume Scuola, dialetto, minoranze linguistiche (Centro di studi filologici e linguistici siciliani, Palermo 1992): «A partire dagli Anni Sessanta si è assistito a una riconsiderazione del dialetto e della cultura dialettale; ma a questo rinnovato interesse ha corrisposto assai raramente, sul piano istituzionale, un supporto legislativo efficace e coerente. Anche la scuola è stata in vario modo interessata e coinvolta, a cominciare dai programmi ministeriali, in specie i più recenti, ma i risultati sono stati discontinui, frammentari e tutto sommato deludenti». Alcuni provvedimenti legislativi dell’Assemblea Regionale Siciliana, assunti in tempi diversi, pur destando interesse, attese, e anche qualche polemica, hanno prodotto risultati effimeri, come nel caso delle legge n. 85 del 6 maggio 1981 «Provvedimenti intesi a favorire lo studio del dialetto siciliano e delle lingue delle minoranze etniche nelle scuole dell’isola». Ricordo che su questa legge si sviluppò un ampio e interessante dibattito nelle scuole, nelle Università e sulla stampa, ma nonostante ciò, di quell’importante provvedimento, nel giro di qualche anno non si seppe più nulla. Eppure si trattava di una legge che, se bene interpretata e adeguatamente utilizzata, avrebbe potuto offrire buone opportunità. Per di più, era stata ben accolta dalla opinione pubblica e anche da larghi settori della classe docente (pur con frequenti travisamenti); comportava irrisori impegni di spesa e la fase sperimentale si era conclusa con esito più che positivo. Esattamente trent’anni dopo, la legge n. 9 del 31 maggio 2011 «Norme sulla promozione, valorizzazione ed insegnamento della storia, della letteratura e del patrimonio linguistico siciliano nelle scuole», ripropone opportunamente i medesimi obiettivi, partendo dalle medesime premesse teoriche e di metodo. Ancora una volta l’Università e il Centro di studi filologici e linguistici siciliani sono stati chiamati a collaborare alla piena e corretta applicazione della legge. La pubblicazione di quest’opera da tempo vagheggiata, coincide con i primi passi di questo provvedimento legislativo di non facile attuazione. Anzi, da esso ha ricevuto uno speciale impulso. L’opera è stata pensata in primo luogo per i tanti docenti che vogliono conoscere più a fondo la storia linguistica della Sicilia. Soltanto lo studio, la conoscenza profonda, la comprensione vera del rapporto tra storia, lingua e cultura, possono stimolare nelle nostre scuole (da quelle di base ai licei) un impegno didattico serio, non oleografico. Un pregio ulteriore consiste nel coinvolgimento di giovani e giovanissimi linguisti al fianco degli specialisti più prestigiosi. Si può ben dire che nell’intera opera si riflettono la passione e l’impegno scientifico di diverse generazioni di studiosi, degli allievi e dei maestri. Ad essi dobbiamo essere grati per aver assecondato l’impegnativo progetto del Centro di studi filologici e linguistici siciliani di offrire alla scuola, ai docenti, più in generale ai lettori colti e “curiosi”, uno strumento che consentirà di cogliere nel modo più fecondo i nessi che hanno contrassegnato il rapporto tra lingua e cultura nella millenaria storia della Sicilia.

GIOVANNI RUFFINO

 

SOMMARIO

Pagine introduttive

Avvertenze per la consultazione - gli autori

  1. Lingua e storia (Salvatore C. Trovato, Iride Valenti)
  2. Il siciliano tra dialetto e lingua: linee descrittive (Giovanna Alfonzetti, Luisa Amenta, Tiziana Emmi, Salvatore Claudio Sgroi)

III. La variazione dialettale nello spazio geografico (Vito Matranga, Roberto Sottile)

  1. Lingue alloglotte e minoranze (Salvatore C. Trovato)
  2. Onomastica (Marina Castiglione, Salvatore C. Trovato, Elvira Assenza, Michele Burgio)
  3. Parlanti e società dall’Unità ai giorni nostri (Mari D’Agostino, Giuseppe Paternostro)

VII. Lingua, dialetto e scuola (Marina Castiglione, Rosaria Sardo)

VIII. Storia politico-sociale e storia degli usi linguistici (Gabriella Alfieri, Stefania Iannizzotto, Daria Motta, Rosaria Sardo)

  1. Testi letterari e documentari (Marina Castiglione, Salvatore Di Marco, Pasquale Musso, Mario Pagano, Margherita Spampinato, Nunzio Zago)
  2. Dialetto e cultura popolare (Elvira Assenza, Sergio Bonanzinga, Michele Burgio, Ignazio E. Buttitta, Marina Castiglione, Alfio Lanaia, Vito Matranga, Giuliano Rizzo)

APPROFONDIMENTI

Testi di Chiara Amoruso, Antonino Buttitta, Antonino Cusumano, Vito Matranga, Antonia G. Mocciaro, Antonia Rubino, Giovanni Ruffino, Rosanna Sornicola, Natale Tedesco, Salvatore C. Trovato, Alberto Varvaro, Sebastiano Vecchio

L’ESPERIENZA DELL’ATLANTE LINGUISTICO DELLA SICILIA - ALS

Testi di Nara Bernardi, Laura Bonura, Eugenia Capitummino, Alessandra Colonna Romano, Mari D’Agostino, Nicola De Gregorio, Melania Germanotta, Giovanna Lo Nigro, Nicolò Paesano, Caterina Pennisi, Vincenzo Pinello, Giovanni Ruffino, Jolanda Scarpello, Stefania Serio, Guido Soriani

INDICI