Ferdinando Raffaele | Testi d’archivio in volgare siciliano. Due documenti notarili di don Alvaro Paternò (prima metà del XVI secolo)

 

 

 

AUTORE |  
TITOLO |  
Curatore |  
collana |  
anno |
pagine |
ISBN |


prezzo |
* disponibilità |
 

     

 

PRESENTAZIONE

Il presente Quaderno propone in edizione critica due documenti redatti a Catania nel 1512: il Testamentu del principe Alvaro Paternò e l’Inventario dei suoi beni. Pubblicati, nel 1930, in una più che apprezzabile edizione semidiplomatica da Francesco Paternò Castello, i due testi sono qui riediti sulla base di criteri filologicamente aggiornati, funzionali per l’immissione nel Corpus ARTESIA nonché nel redigendo Vocabolario del Siciliano Medievale (VSM). Molteplice la loro importanza: sono una notevole fonte di informazione storica su Catania e il suo territorio; documentano la transizione che, durante il secolo XVI, vede l’assimilarsi dell’uso scritto del volgare al modello toscano; si configurano come preziosa fonte lessicale in quanto documentano le prime attestazioni in volgare siciliano di un consistente numero di lessemi pertinenti non solo nell’ambito giuridico, ecclesiastico, architettonico, ma anche a quello della vita quotidiana.

 

SOMMARIO

Ferdinando Raffaele, Due documenti notarili in volgare siciliano (26 maggio 1512) – Salvatore Arcidiacono, L’Inventario di don Alvaro Paternò – Introduzione, Note al testo, Edizione – Anael Intelisano, Il Testamentu di don Alvaro Paternò – Introduzione, Edizione – Bibliografia.